Paolo Orlando
Alla conquista del mare di Roma. Diario 1904-1923


Pagina 134 di 298       

%




     26 Luglio 1913
     Prego il Sindaco di venire ad una conclusione per il mutuo chiesto alla Cassa Depositi e Prestiti mentre si trovano a Roma il Capo del Governo e il Ministro del Tesoro.

     30 Luglio
     Il suo Capo di Gabinetto mi telegrafa a Levanto che i colloqui del Sindaco coi due Ministri hanno avuto esito soddisfacente.

     9 Agosto
     Visito il Pro-Sindaco Ballori. Finalmente sono riuscito a far desistere il Sindaco alla domanda di mutuo alla Cassa Depositi e Prestiti per oltre 20 milioni ed a ridurla soltanto a quanti ne occorrono per le espropriazioni ostiensi. Il pro-Sindaco Ballori si impegna di rispondere in questo senso alla lettera della Cassa invitante il Comune a ridurre il suo fabbisogno. Infatti la risposta del Comune Ŕ partita oggi stesso.

     15 Agosto
     La Direzione della Cassa Ŕ disposta a concedere al Comune il mutuo come ridotto coll'ultima sua lettera, ma non farÓ anticipazioni se non quando sarÓ praticamente eseguibile la concessione della ferrovia. Faccio osservare essere perci˛ necessaria la preventiva costituzione della SocietÓ subconcessionaria che per una causa o per l'altra si va procrastinando. Intanto abbiamo la scadenza del termine legale per le espropriazioni fissato al prossimo 31 dicembre. Per guadagnar tempo, senza rimuoversi dalla sua deliberazione, la Direzione della Cassa ha annuito a perfezionare tutti gli atti per il mutuo, riservandosi di emettere il decreto relativo quando il Comune presenterÓ il decreto di concessione della ferrovia.

     16 Agosto
     Informo di tutto ci˛ il Pro-Sindaco.